(+39) 380-683 9990info@cmcvalpolicella.it

Citroën DS 19 Squalo

Citroën DS 19 Squalo

per-hour-rate
Al giorno
400 €
per-day-rate
Per weekend
560 €
per-hour-rate
Per matrimonio
guarda le nostre promozioni
Nome: Alfa Romeo Giulia GT Junior 1300
Produttore: Alfa Romeo
Produzione: dal 1966 al 1970
Vedi Le Nostre Promozioni

    Limousine Booking











    • Anno di Immatricolazione: 
    • Carrozzeria: 
    • Posti a sedere: 
    • Numero porte:  

    • Cilindrata cm3: 

    • Numeri cilindri: 

    • Velocità max: 

    • Accelerazione 0-100 km/h: 

    • Potenza kw: 

    • Trazione: posteriore

    • Cambio: 
    • Alimentazione: benzina

    • Capacità Serbatoio: 

    • Omologazione antinquinamento: euro 0

    • Altezza: 
    • Lunghezza: 
    • Larghezza: 

    • Bagaglio (min/max): 

    • Massa a pieno carico: 

    • Peso: 

    Ci sono voluti quasi vent’anni per concretizzare il progetto della Dea (in francese dèesse). Si propose come una vettura all’avanguardia, sia per lo stile che per la meccanica. Fu la mano di Flaminio Bertoni a definirne le linee rielaborando quelle della Traction Avant. Fu la prima a montare i freni a disco anteriori, il servosterzo e le sospensioni idropneumatiche che consentono di mantenere una costante altezza da terra del corpo vettura anche all’aumento del carico oltre che fornire una piacevole sensazione di morbidezza nell’affrontare il terreno sconnesso. Dalla seconda serie montava i fari orientabili, soluzione ripresa negli ultimi anni dalle più importanti case automobilistiche. Internamente il volante era munito di un’unica razza perché riduceva il rischio di danni alla cassa toracica del conducente in caso di forte impatto e le sedute erano in materiale pregiato e molto confortevoli. Ma il prezzo era un pò alto nonostante fosse ben giustificato.

    Per andare incontro al mercato quindi, la Citroen realizzò allora la I D (dal francese idée, idea), ossia una DS più economica. Gli fu tolto il servosterzo, montato un impianto frenante e una trasmissione tradizionale, ma vennero conservati i fari direzionali e le mitiche sospensioni.

    La ID, come la DS, fu proposta anche come cabrio, break e familiare (una break con una fila di posti in più). Si rivelò essere quindi un’auto molto versatile, specie per ciò che riguardava lo sfruttamento dello spazio interno e ne furono pertanto allestiti diversi esemplari come autoambulanze. La ID è stata la prima vettura del marchio francese ad aggiudicarsi un rally internazionale arrivò infatti per prima al traguardo del Rally di Monte Carlo del 1959.