(+39) 380-683 9990info@cmcvalpolicella.it

Lancia Appia 3 Serie

Lancia Appia 3 Serie

per-hour-rate
Al giorno
300 €
per-day-rate
Per weekend
460 €
per-hour-rate
Per matrimonio
GUARDA LE NOSTRE PROMOZIONI
Nome: Appia III serie
Produttore: Lancia
Produzione: dal 1966 al 1970
Vedi Le Nostre Promozioni

    Limousine Booking











    • Anno di Immatricolazione: 1963
    • Carrozzeria: berlina
    • Posti a sedere: 5
    • Numero porte: 4

    • Cilindrata cm3: 1090

    • Numeri cilindri: 4

    • Velocità max: 132 km/h

    • Accelerazione 0-100 km/h: 16 s

    • Potenza kw: 35,33

    • Trazione: posteriore

    • Cambio: manuale 4 rapporti
    • Alimentazione: benzina

    • Capacità Serbatoio: n.d.

    • Omologazione antinquinamento: euro 0

    • Altezza: 1,42 m
    • Lunghezza: 4,02 m
    • Larghezza: 1,48 m

    • Bagaglio (min/max): n.d.

    • Massa a pieno carico: n.d.

    • Peso: 960 kg

    Prima della Guerra la Lancia produceva due modelli che erano praticamente identici ma in scala diversa, la Aprilia la maggiore e la Ardea la minore. Nel 1950 la Lancia Aprilia viene sostituita dalla Aurelia, di conseguenza l’azienda si mise subito all’opera per aggiornare anche il modello Ardea, ci vollero tre anni per partorire il nuovo modello, la Appia, che prese il nome di una delle arterie stradali dell’antica Roma.

    Il motore bialbero 4 cilindri a V stretto di 1090 cc capace di 38 cv era un motore raffinato e complesso, ma molto affidabile.

    Superò test molto intensi arrivando a più di 160 mila km senza guasti con una velocità media superiore ai 70 km/h. Venne testata dalle più importanti riviste di automobilismo dell’epoca riuscendo sempre a sbalordire i giornalisti per la sua affidabilità.

    Venne prodotta sia in versione berlina che nelle versioni commerciali (Autolettiga solo prima serie, Furgoncino, Camioncino, Giardinetta solo terza serie) inoltre a partire dalla seconda serie, esistevano anche autotelai riservati ai migliori carrozzieri dell’epoca Pinifarina, Vignale, Zagato, Allemano, Boano, Ghia, Viotti, Motto per un totale di 21 versioni fuoriserie tra cui le più famose sono le Coupè di Pinifarina e le Lusso di Vignale.

    Al Salone di Ginevra del 1959 esce la terza serie che viene rivista davanti perdendo la forma a scudetto in favore di una presa d’aria orizzontale con simbolo Lancia al centro. Tra le migliorie meccaniche l’aumento di potenza che passa a 48 Cv e l’adozione del doppio circuito frenante, brevetto Lancia col nome “Superduplex”.

    Con l’avvento della terza serie, nasce un nuovo furgone leggero il “Jolly” che sostituisce la versione Furgoncino e Camioncino, inoltre le parti meccaniche dell’Appia vengono utilizzate da alcuni piccoli costruttori artigianali per la realizzazione di monoposto della Formula Junior, una categoria di macchine da corsa “low cost” creata alla fine degli anni’50.

    Nel maggio 1963 l’ultima Appia esce dalla catena di montaggio e per l’occasione la fabbrica e i dirigenti organizzano una manifestazione per celebrare il superamento dei centomila esemplari prodotti.